TANTE IDEE…MOLTO CONFUSE🤯🤯

Non so voi, ma percepisco una grande confusione in queste settimane. Faccio fatica ad avere un quadro🖼️ definito, ma anche solo lo sfondo o semplicemente la cornice. Tanta confusione c’è attorno a noi nel mondo, ma anche nel nostro piccolo c’è tanta altrettanta confusione.
Non so se la confusione è dovuta dal susseguirsi vertiginoso di tante notizie o se creata apposta per farci perdere un po’ il filo rosso della nostra vita, o se scelta da noi per non vedere c’è che accade. C’è confusione fuori da noi, ma anche dentro di noi. Inevitabilmente l’una influenza l’altra. Confusi come i servi del Padrone della parabola, che non capiscono chi ha seminato la zizzania.

C’è molta confusione e fatico ad incominciare a mettere ordine, anche solo nella mia vita perché c’è un po’ di stanchezza in quello che sto vivendo. Stanchi come i servi che dopo aver seminato vedono che cresce anche dell’altro, oltre al seme buono.
Fatica e confusione, sembrano oggi 2 condizioni più che mai diffuse, se poi ci mettiamo anche un tocco di desolazione (sconforto) abbiamo ricreato a pieno la situazione attuale. Come uscirne?

O vado in vacanza🏖️ tutto agosto e ci si rivede a settembre e metto tutto in pausa e penso solo alla vacanza, o mi invento un lavoro 👷‍♂️che sia così impegnativo e pregnante che non c’è nulla se non quello ed il resto rimane fuori, o nella vita di ogni giorno mi ritrovo in questa confusione, non troppo carico, e mi chiedo, ma il REGNO DEI CIELI in tutto questo DOVE E’? Anzi mi potrei chiedere, ma cosa ha di così accattivante?

Come cercare il Regno dei Cieli:
1. Occorre dare tempo al tempo⏳! Non c’è fretta, non servono soluzioni veloci, ne occorre risolvere tutto il prima possibile. Stare nell’incertezza e nella confusione, se abbiamo chiaro l’obiettivo, è meglio che fare subito una divisione chiara e netta della vita. La zizzania all’inizio è molto simile al grano, e se la estirpo subito rischio di confonderla con lo stelo di grano. E togliendo il male rischio di togliere il bene. Ma anche dopo, che si coglie subito la differenza, c’è sempre il rischio di sradicare l’una con l’atro. Occorre allora la pazienza di aspettare fino alla fine.


2. Oltre a non avere fretta, ma ad andare con calma🐢. Occorre stare attenti a dare giudizi affrettati, o a dare le colpe a desta e a manca, o direttamente a Dio. Dio non vigila, lascia venire il maligno che semina il seme sbagliato. Per primo Dio vigila, se no, non saprebbe chi ha piantato la zizzania, al più si può incolparlo che non agisce. Ma perché allora non agisce? Perché lascia crescere, chissà, magari quella zizzania si può convertire e diventare buon grano. Se subito estirpasse tutto il male che l’uomo fa nella sua vita, non farebbe nemmeno il bene. Se da principio ci giudicasse per il male che facciamo e ci estirperebbe, beh, non faremmo nemmeno nulla di buono. Occorre perciò non trovare dei semplici colpevoli per poi lavarsi le mani dal come sta andando la mia vita.

3. Come è il Regno di Dio, è piccolo▪️. Questo oggi diventa condizione che facciamo fatica a digerire. Faccio fatica a pensare che la Chiesa, da potente e importante, pian piano possa diventare un piccolo seme, un po’ di lievito, che sia un seme tra tanti semi. Questa è una sfida che riguarda tutti i cristiani e solo condividendo questo essere lievito possiamo ancora lasciare un segno nel mondo, nella chiesa ed in noi!

Vangelo della Domenica Matteo 13,24-34

Vignette per pensare e sorridere
@donmanuelvalentini
@_teino_02_
Non lasciare che ti rubino la speranza e la gioia, Papa Francesco

@oratoribg
#oratori_up_bcg #unitàpastoralegandino #valgandino #grano #zizzania #senape #lievito #seminare #Gesù #vangelo #domenica

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *